Mucca

 

 

 


Dati riepilogativi

Quota iniziale : 1877 m
Quota finale: 2457 m
Dislivello: 580 m
Tempo CAI: 2:00 h


Accesso stradale

Autostrada A5 uscita Verrès.
Alla rotonda prendere la seconda uscita per Ayas SR 045 e seguire la strada fino a Brusson. All'uscita dal paese girare a destra seguendo le indicazioni per Estoul. Seguire la strada per circa 6 km. Attraversato il paese il parcheggio si trova circa 600 m più avanti.
Coord. parcheggio: N 45.759167° E 7.773056°


Cartina

foto

Galleria fotografica

Leggenda

Profilo e traccia GPS

Leggenda

Video traccia 3D

Val d'Ayas - Laghi di Estoul (Chamen)

domenica 27 giugno 2017

Escursione alla portata di tutti senza alcuna difficoltà che permette di inoltrarsi in territori stupendi ma meno frequentati del vicino vallone di Palasina.

Lasciata l'auto nel grande parcheggio dopo l'abitato di Estoul, ci avviamo verso la sterrata che parte all'inizio del parcheggio dove troviamo anche i cartelli indicatori dei sentieri.

Iniziamo a percorrere la strada poderale che si dirige verso le piste da sci e dopo pochi minuti incontriamo un primo bivio dove occorre svoltare a destra. Facciamo pochi passi e ci fermiamo ad ammirare il panorama verso est dove spicca la Punta della Regina meta di una passata escursione. Giunti ad una fontanella proseguiamo dritto verso il bosco e dopo pochi metri pieghiamo a destra seguendo le indicazioni dipinte su un masso per il sentiero 5 e 6. Iniziamo a salire costeggiando la pista da sci fino ad arrivare, a circa metà della salita, ad intercettare l'inizio del sentiero 6a e 6b sulla destra. Svoltiamo e iniziamo a seguire la sterrata che sale ripida nel bosco fino a incontrare la poderale che sale da Estoul verso il vallone di Palasina. Attraversiamo la strada e continuiamo a salire in maniera abbastanza decisa nel bosco fino ad incontrare dopo circo 30 minuti un canalino erboso dal quale si gode di uno splendido panorama verso valle. Ora il sentiero rientrando nel bosco si fa meno ripido e prosegue regalandoci di tanto in tanto scorci favolosi sulla valle e sul Monte Nery.

Dopo circa 50 minuti dalla partenza il sentiero esce definitivamente dal bosco per attraversare praterie alpine e ampi pascoli risalendo ampie balze erbose attraversate del Rio Chamen dove Toby trova refrigerio. Continuiamo a salire sempre su evidente sentiero tra bellissime fioriture in direzione di un grosso ometto raggiunto il quale ci fermiamo ad ammirare lo splendido panorama che si gode da qui verso valle.

In breve arriviamo in vista dei frangivento a forma d'albero rovesciato posti nel 2014 sullo spartiacque tra la val d'Ayas e la valle di Gressoney per evitare la formazione di cornici nevose il cui crollo si abbatterebbe sulle sottostanti aree già potenzialmente instabili provocando pericolose valanghe.

Ormai la meta è vicina, il sentiero spiana in prossimità della sorgente Fontana Fredda e dopo pochi minuti arriva al primo dei laghi di Estoul, il più piccolo. Sulla destra parte il sentiero 6b per la Bocchetta di Eclou, mentre a sinistra prosegue il sentiero 6a per il Colle Valnera e l'omonima vetta.

Proseguiamo lungo questo sentiero e in pochi minuti arriviamo al lago di Estoul Superiore detto anche Chamen meta della nostra uscita di oggi. Aggiriamo il lago in senso antiorario e ci fermiamo per la pausa pranzo proprio nei pressi della partenza del sentiero che sale al Colle Valnera circa 200 metri più in alto e che permetterebbe di scendere al rifugio Arp e rientrare a Estoul completando un giro ad anello. Sarà per la prossima volta oggi non abbiamo molto tempo e dobbiamo accontentarci di fermarci ai laghi e rientrare successivamente alla macchina ripercorrendo lo stesso itinerario della salita.